TRA DEGRADO E “BABY VANDALI”

Pubblicato Il
- Updated

Ci mancava solo la “sacra e tradizionale” festa di Halloween.
Passeggiando l’indomani per il paese ci si imbatte in persone arrabbiatissime, siccome dei ragazzini hanno conciato la facciata della propria casa o perchè, con dei petardi, hanno rovinato nuovamente il vetro della pensilina del pullman in stazione (tra le 22 e le 23.20 sono stati scoppiati quattro forti botti nella zona; accanto al vetro spaccato c’erano ancora frammenti di cristallo, un mozzicone di sigaretta e un bicchiere sporco di vino rosso).
Per non farci mancare nulla la stazione e i parcheggi limitrofi da giorni sono luogo di rifiuti e borse abbandonate, dove, tra poco, tra un binario e l’altro crescono non più erbacce, ma cespugli, e dove le piastrelle (anche sporche di macchie sangue) sugli scalini si staccano.

Ecco quindi che tornano i baby vandali (non è la prima volta che succedono fatti simili ad Halloween a Cernusco), che si divertono a lanciare uova contro le facciate di casa, sparare botti assordanti in nome di chissà cosa…
Cernusco, ma anche Osnago… parchi pubblici in mano a questi ragazzotti minorenni che credono di avere in mano il mondo e possono fare quello che vogliono: fare parkour, buttare l’immondizia dove vogliono, rompere i cestini, disobbedire ai divieti presenti sui cartelli.
Nello specifico i ragazzini che si sono divertiti a lanciare le uova erano a Paravino alto, dove infatti, in via Fermi, sono stati trovati due portauova vuoti (ovviamente non sono stati buttati nell’immondizia o portati a casa). La famiglia, disperata, stamattina si è trovata a pulire l’intera facciata nei punti vicino alla porta e il terrazzo… per il resto non sa ancora come fare.
Servono indubbiamente più controlli (ma rigidi!) sia in famiglia, che in paese. Non possiamo lasciare in mano la bellezza dei nostri paesi a chi non sa rispettarla, in quanto ineducato.

Dario Vanoli



Mobile Sliding Menu

Dentro&Fuori.it | Copyright © 2018
Powered by AeA-Digital.it